Dal marketing all'analisi del business ( set. 2014)

paolo_ulianInternet ha cambiato radicalmente la nostra vita e i nostri comportamenti.
Il marketing era abituato a ragionare a bocce ferme e con tempi lunghi;
oggi la velocità  è fattore critico di successo  e i Big Data regolano i nostri comportamenti.
Le strategie si devono pensare e attuare in tempi brevi e i mercati, i canali commerciali e i clienti sono sempre più volubili e “liquidi”.
L’azienda deve ripensare il proprio business  ragionando per come sarà il mercato di domani consapevole che non sarà più come quello di  ieri.

Steve Jobs , nel 1996, disse:
” un giorno i  negozi non esisteranno più e tutti compreranno  su internet”

Non è andata proprio così ma la realtà che  si sta delineando  si muove in una direzione simile; oggi, chi non segue il web con impegno è destinato ad essere escluso dal mercato .
Vediamo  cosa sta succedendo e con cosa occorre fare i conti:

1. BIG DATA
Non vi meravigliate per come  non fate a tempo a digitare una frase sulla barra  di ricerca che subito si completa automaticamente  con significati che sono sempre più vicini a ciò che stavate cercando?  E avete notato che se un giorno cercate il costo di un soggiorno a Newyork, dal giorno dopo “siete circondati” da banner pubblicitari che vi aggiornano  e vi offrono la migliore soluzione ?
Negli ultimi anni, l’importanza della tecnologia semantica è aumentata esponenzialmente. I risultati nei motori di ricerca, oggi, avvengono con dinamiche simili al funzionamento del cervello.
La ricerca semantica ha sostituito le parole chiave: ormai dal 2013, con il suo nuovo algoritmo “Colibrì”, Google ha effettuato uno dei più grandi cambiamenti di sempre nella dinamica del proprio motore di ricerca.
Il nuovo approccio si basa sul significato delle frasi digitate dall’utente, anziché sulle keywords.

2.NEGOZI TRADIZIONALI E ECOMMERCE
Fino a qualche anno fa le aziende che producono hanno visto   la presenza del web  considerandola come ” un disturbatore” del mercato: ora il fenomeno  è  costituito da negozianti con “una storia” che sono presenti sul web con successo e diventano Brand a loro volta.
D’altro canto i costi di intermediazione e il magazzino  incidono sempre di  più  e “si riversano” sul prezzo al pubblico, facendolo lievitare e impedendo così la crescita; mentre, online, i costi sono nettamente inferiori

3.ESTERO
Adesso, esattamente in questo momento, ciascuno di noi può attraversare “online” tutti i paesi della terra, incrociare la persona o l’azienda che ci interessa, cogliere la sua attenzione, mostrare, presentare, proporre e vendere il proprio prodotto o servizio.
Certo non tutto è semplice e ci vuole competenza e continuità; ma è in questa direzione che il mondo si muove: con costi inferiori e barriere nettamente più basse di quelle che incontrarono tempo fa Marco Polo & Partners

4. IL SITO WEB
Oggi non è sufficiente essere presenti sul web. Occorre avere un buon sito: gradevole alla vista, efficace nei contenuti, semplice da navigare, interattivo.
Il tuo sito deve avere le “idee chiare” nel mostrare la tua soluzione ai fabbisogni di chi ti sta cercando; deve “trasportare” il visitatore in modo che la “sua” navigazione sia “dolce” e semplice da effettuare.
Il tuo sito deve riprodurre il “racconto” di quello che fai attraverso un’elegante impaginazione supportata da testi che semanticamente riconducano alla tua attività con  adeguato materiale fotografico e  filmati .

La business analysis costituisce , in fondo, la capacità  di sapere applicare il marketing  secondo i nuovi parametri che internet ha definito:
il mercato è profondamente cambiato e le aziende devono mettere l’impegno che mettevano un tempo  “per fare azienda” .
I pranzi gratis sono finiti e, per analizzare i rinnovati  fabbisogni della tua azienda,  può essere utile una analisi  del tuo business.

Se sei arrivato fin qui, ti invitiamo ad approfondire la conoscenza con il nostro sito e , se vuoi, contattataci per una consulenza preliminare gratuita.
Grazie per l’attenzione e la tua lettura.